20.6 C
New York

Elden Ring build come diventare un Paladino Oscuro

Pubblicato il:

Anche oggi ci troviamo in un Elden Ring build, nello specifico questa ci è stata inviata da Domenico, che ha creato un Paladino Oscuro e che sarò davvero lieto di provare, se anche tu vuoi inviarci delle tue creazioni scrivici a lenostreclip@gmail.com.

Tutto inizia con una breve descrizione: la build è basata sulla storia di questo paladino che, dopo aver scoperto l’esistenza della runa della morte, decide di studiarne e padroneggiarne gli effetti. Durante il suo viaggio, oltre a scontrarsi con l’ombra di Ranni “Blaidd”, scopre anche ciò che è accaduto a Godwyn e al suo amico drago fortisax ed il culto della nera fiamma.

Elden Ring build: le armi che creano il Paladino Oscuro

La prima arma che dovrai usare è lo Spadone Deicida nella mano destra, una spada colossale che fa sia danno fisico che da fuoco e richiede per essere usata 20 a Forza e Fede, 22 a Destrezza e scala D su Forza B in Destrezza ed infine C in Fede.

Un’arma molto potente, soprattutto se consideriamo la sua Abilità Unica Nera fiamma della Regina, un attacco che possiamo caricare per infliggere due colpi di Nera Fiamma davanti a noi. Unica pecca, servirà un’ottima stabilità e difesa dai danni per usare l’Abilità in serenità, visto che ci lascia senza difese per abbastanza tempo.

Sempre nella mano destra, come arma secondaria, troviamo la Falce Alata, presumo la prima arma del nostro Paladino quando ancora non era oscuro. Per brandirla servono 16 a Forza e Destrezza e 24 in Fede. Scala D in Forza e C in Destrezza e Fede.

Qui ci troviamo ad utilizzare un’arma che fa danno fisico e sacro, che con la sua abilità ci permette di balzare sul nemico ed eseguire un attacco puramente sacro. Non è la mia falce preferita, ma è calzante per il personaggio che stiamo descrivendo.

Le armi che completano questa build

Nella mano Sinistra dovrai indossare uno Scudo di Ottone che potrai ottenere già all’inizio del gioco, facendo farming dei Soldati di Godrick. In ogni caso è un ottimo scudo con difesa fisica al 100% di base che richiede solamente 16 a Forza per essere brandito.

La sua Cenere di Guerra viene modificata in Parata Aurea che estende la nostra distanza per eseguire un parry o bloccare gli attacchi nemici; se inoltre lo modificate con Affinità Sacra come ho fatto io, andrà a scalare D in Forza e Fede.

Infine, a completare il tutto troviamo il Sigillo Deicida, utile per castare gli incantesimi che completano questa build. Questo sigillo richiede 27 a Fede e 4 in Forza per essere utilizzato correttamente e scala S nella prima e D nella seconda.

Questo sigillo va a potenziare gli Incantesimi Deicidi e dunque tutta quella serie di incantesimi che Domenico ha deciso di inserire per completare il suo Paladino Oscuro. Ed ovviamente, va per la maggiore la Nera Fiamma.

Gli incantesimi del Paladino Oscuro

Nella sezione degli incantesimi c’è ormai ben poco del Paladino di Luce classico che conosciamo: ogni incantesimo, tranne uno, è legato alla Nera Fiamma. Ma d’altronde non mi aspettavo altro dalla build creata da Domenico.

Iniziamo con il Rituale della Nera Fiamma che evoca un cerchio di colonne di fiamme nere intorno al personaggio, per il modico costo di 42 a Fede. Successivamente troviamo la Nera Fiamma Funesta che crea una sferzata fiammante davanti all’esecutore e che potrai utilizzare per 28 a Fede.

L’ultimo incantesimo d’attacco della Nera Fiamma è proprio la Nera Fiamma, la sfera di fuoco rovente che potremmo lanciare contro i nemici per 20 di Fede. L’ultimo incantesimo offensivo che troviamo è la Saetta Mortale che colpisce l’area circostante con una serie di fulmini mortali e per utilizzarlo serviranno 47 a Fede.

Infine, troviamo due potenziamenti. Il primo è Lama della Nera Fiamma che infonde l’arma nella mano destra con una fiamma nera e richiede solamente 17 a Fede per essere brandita. Ed infine, a chiudere il cerchio, troviamo la Protezione della Nera Fiamma che incrementa la resistenza ai danni fisici per 30 a Fede.

elden ring build

Elden Ring build: le mie modifiche fino ad ora

Mi sento di dire fin da subito che la Nera Fiamma è buonissima per una build, visto che mangia la vita all’avversario nel tempo e con tutti questi incanti è davvero difficile non infliggere molti danni nel tempo.

Però, alcuni degli incantesimi inseriti sono molto situazionali: Rituale della Nera Fiamma e Saetta Mortale sono i primi che eliminerei. Li trovo molto scenici e molto poco utili, sono utilizzabili pienamente solamente contro dei nemici davvero grossi e sono molto casuali.

Io preferisco avere pochi incantesimi ma che possono tornare utili in ogni situazione, come ad esempio la palla di fuoco della Nera Fiamma che può trovare sempre un utilizzo. Ma bada bene, che io non sono mai stato un gran utilizzatore di magie in nessun gioco.

E che dire, capisco il Role Play, ma se non si è così interessati ad immedesimarsi nel personaggio, Voto Aureo non guasta mai ed in questo caso credo che anche Fiamma Donami Forza sarebbe un ottimo sostituto alla Protezione della Nera Fiamma come body buff.

Il set di armatura definitivo per il Paladino

Ma passiamo ora a vedere il Set di Armatura che ha messo assieme Domenico con un risultato a mio dire ben preciso: ottima stabilità e peso medio. Il set inizia con l’Elmo dei Cavalieri Notturni e prosegue con i guanti dello stesso set.

Sul busto invece troviamo la Corazza di Blaidd, evidente trofeo dello scontro tra il Paladino ed il Guardiano di Ranni menzionato da Domenico nella sua introduzione, e si conclude con gli Schinieri a Scaglie.

La stabilità che vai a raggiungere con questo setup è di 61 e va benissimo per poter utilizzare l’abilità dello Spadone Deicida e ti permette di giocare quasi sicuramente in Carico Medio.

Forse, per immedesimarsi nel Role Play di un Paladino Oscuro, c’era qualche set più visivamente bello e legato al personaggio, ma sicuramente non avresti raggiunto le stesse statistiche.

elden ring build

Elden Ring build: i talismani che chiudono il cerchio

Il primo talismano che troviamo è l’Icona di Radagon che riduce il tempo di lancio delle magie, molto utile vista l’enorme quantità d’incanti che andremo ad utilizzare in questa build.

Troviamo al secondo posto la Scheggia di Alexander per potenziare le nostre abilità e c’è ben poco da aggiungere. Il terzo talismano è lo Scorpione di Fuoco che potenzia i danni da fuoco, anch’essi sempre presenti in questa build, ma ci fa subire più danno.

Domenico ha chiuso con il Favore dell’Albero Madre +2 che potenzia vita, stamina e carico equipaggiamento, probabilmente per contrastare il debuff dello Scorpione di Fuoco. Credo che il Granscudo del Drago sia stato escluso per un motivo molto semplice.

La protezione della Nera Fiamma, se attivata costantemente in modo da essere sempre attiva, va a mitigare il danno ricevuto ed in questa maniera Domenico ha fatto bingo, per del mana rimedia al debuff dello Scorpione di Fuoco con un incanto, e nel mentre ottiene più vita con il Favore dell’Albero Madre.

Le statistiche che ti servono per diventare un Paladino Oscuro

Le statistiche consigliate da Domenico sono le seguenti:

  • Vitalità 50
  • Mente 20
  • Tempra 30
  • Forza 43
  • Destrezza 24
  • Fede 50

Tutto quello che non è stato menzionato rimane alla sua statistica base.

Cosi si conclude la build creata da Domenico ed devo dire che è funzionale e divertente. L’unica cosa di cui mi sono accorto è che si prendono davvero delle botte da orbi se non si sta attenti o se si rischia.

Durante il mio provato mi sono ritrovato più volte a sentirmi potente ma a rendermi conto che un abuso di questa sensazione di potere portava a mezza vita in fumo in pochi secondi.

Mi sono trovato bene con praticamente tutto l’arsenale messo insieme da Domenico ma ci sono un paio di cose che toglierei perché, praticamente, non le ho mai utilizzate.

elden ring build

Le mie ultime modifiche al Paladino Oscuro

La Falce, per quanto sia bella e di Role Play, mi sono dimenticato di averla. Visto che la Build è incentrata sul danno della Nera Fiamma non l’ho trovata essenziale ed anzi la eliminerei per alleggerire il personaggio.

Ed infine, l’ultima piccola cosa che cambierei, ma solo per estetica mia personale, è lo scudo. Sono un Paladino Oscuro e per la maggior parte del tempo sputo Nera Fiamma in ogni direzione… ed ho uno scudo bello dorato. Lo cambierei con qualcosa di più oscuro e tendente al nero.

Escluse queste piccole mie fissazioni, la build è fantastica e piacevole da giocare. Quello che mi ha stupito è il bilanciamento, siamo si potenti ma anche molto a rischio. Non so se sia una cosa voluta o se sono io incapace ma mi è piaciuta.

Prima di salutarci ti ricordo di visitare il nostro canale Youtube, di rimanere sulle pagine del nostro blog per rimanere aggiornato sul mondo dei videogiochi e che, infine, se ti va di conoscere altri giocatori abbiamo un gruppo Facebook apposito.

 

Articoli Correlati

spot_img

Articoli Recenti