15.2 C
New York

Tunic recensione e ritorno al passato

Pubblicato il:

Ah, ragazzi, vi porto indietro nel tempo, agli anni 2000 per Tunic recensione dal passato, quando internet non era ancora così diffuso e i giochi erano avvolti da misteri e segreti. Vi ricordate quando a scuola circolavano voci su come sbloccare Pokémon leggendari o trovare segreti nascosti in The Legend of Zelda: Link’s Awakening? Era un po’ come un’avventura, cercare di scoprire tutto senza alcun aiuto da internet.

Tunic recensione di un Zeldalike con i fiocchi

E ora, eccoci nel 2022, con Tunic, un action game in terza persona che si ispira a Zelda ma con un tocco indie tutto suo. Iniziamo la nostra avventura come una simpatica volpetta su una spiaggetta, senza alcun contesto o storia. Ci troviamo di fronte a cartelli con glifi misteriosi, e ci rendiamo conto che la lingua del gioco è totalmente incomprensibile.

Ma ecco la sorpresa: il manuale di istruzioni del gioco, deliziosamente illustrato, è scritto con gli stessi glifi del mondo di gioco. Quindi, dobbiamo scoprire le basi del gioco all’interno della dimensione ludica stessa, risolvendo enigmi e godendo della soddisfazione di ogni passo avanti.

Il mondo di gioco che rende unico Tunic

Il mondo di gioco è bellissimo, con un design minimale ma ricco di dettagli, che si memorizzano facilmente. L’atmosfera misteriosa e a tratti creepy viene resa perfettamente dalla palette cromatica e dalla regia delle luci. Non c’è un solo angolo dell’overworld che non nasconda qualcosa di interessante da scoprire.

tunic gameplay recensione zeldalike geekgamer

La colonna sonora, anch’essa minimale, è coerente e ben realizzata, mentre gli effetti sonori rendono ogni azione e reazione degna di interesse.

Gameplay divertente per un gioco davvero completo

Il combattimento è vario, con diverse opzioni disponibili, come oggetti consumabili, magie e, ovviamente, spada e scudo. Quest’ultimo gioca un ruolo importante, ma bisogna fare attenzione alla barra della stamina, perché quando si esaurisce, i danni nemici possono essere letali.

Alcune fasi possono risultare difficili, ma gli sviluppatori hanno pensato anche a una modalità invincibile per rendere l’esperienza più accessibile a tutti.

Tunic recensione che si conclude con la Volpe che spodesta Link

Insomma, Tunic è un gioco che omaggia Zelda ma allo stesso tempo si distingue per la sua originalità e per il modo intelligente in cui presenta le sue meccaniche. È un’avventura piena di misteri, enigmi e scoperte, che vi terrà incollati allo schermo per ore. Preparatevi a vivere un’avventura unica, come se foste tornati indietro nel tempo, senza internet, ma con tutta la magia e l’entusiasmo di allora.

Continua a seguire le nostre notizie sul sito GeekGamer e non ti perdere gli aggiornamenti più importanti del mondo videoludico.

IN PAROLE POVERE

Un gioco incredibilmente coinvolgente, bello da vedere, ma soprattutto da giocare. Manca ancora qualcosa all'appello, ma la direzione è quella giusta, confidiamo in un Tunic 2.
spot_img
spot_img

Articoli Correlati

spot_img

Articoli Recenti

Un gioco incredibilmente coinvolgente, bello da vedere, ma soprattutto da giocare. Manca ancora qualcosa all'appello, ma la direzione è quella giusta, confidiamo in un Tunic 2.Tunic recensione e ritorno al passato